Musica e cervello: scoperto un database di emozioni collegate al suono

January 19, 2017

Da sempre si parla degli aspetti benefici della musica e si trovano molte teorie su come la musica possa aiutare a lenire il dolore e a porci in stati d'animo rilassati e positivi per mente e corpo.

Ma forse non tutti sanno che ci sono molti studi su questo aspetto e, addirittura, esistono centri medici dedicati interamente ai rapporti di causa-effetto prodotti dalla musica sul sistema nervoso.

Roberto Zatorre fondatore dell'istituto Brain, Music and Sound ha spiegato che il suono effettua un passaggio che parte dall'orecchio e si diffonde via via attraverso la rete neuronale innescando sensazioni che già albergano nel nostro cervello. E' una sorta di database di sensazioni che si possono attivare associando i suoni giusti.

Anche le due ricercatrici Agustín Ibáñez e Lucía Amoruso, dell'Instituto de Neurociencias Cognitivas, hanno parlato nei loro studi di questa specie di “archivio” presente nel nostro cervello, dimostrando che esistono meccanismi predittivi che ci aiutano a correggere gli sbagli prima ancora che il corpo si metta in azione.

Per fare ciò hanno mostrato ad alcuni ballerini di tango dei video in cui altri ballerini di tango commettevano errori. Attraverso un'analisi dell'encefalogramma è emerso che i ballerini più esperti erano in grado di prevedere gli errori dei danzatori nei video, ancora prima che questi si muovessero.

Cosa accade nel cervello quindi?

Ascoltando musica, si innescano nella corteccia cerebrale meccanismi, circuiti, connessioni capaci di dare forma allo schema astratto delle nostre emozioni. E' come una mappa emotiva che prende forma e si armonizza quando l'orecchio è sottoposto agli stimoli del suono.

Non solo. Gli studiosi sopra citati dimostrano come il suono sia connesso strettamente al linguaggio. Spesso, attraverso l'utilizzo della musica, è possibile risolvere più semplicemente un “dialogo emotivo interiore” e risolvere nodi e blocchi in tempi più veloci.

 

 

 

 

 

 

 

 

Infine, aspetto molto importante, è l'utilizzo della musica come coadiuvante nelle malattie che colpiscono le attività motorie. La musicoterapia infatti, interviene sugli aspetti del coordinamento e risulta efficace per curare autismo, demenza e altre patologie legate alla cinetica.

E' il momento di sedersi e ascoltare un brano che ci piace, non credete?

 

 

Please reload

torna alla Home

Piuemme. Contatti: 06.60663690 - 3454607547- 

Associazione culturale  Piuemme- cod. fisc. 97662250584

Scuola musica anagnina-tuscolana- appia- casilina- ciampino-capannelle-statuario-osteria del curato.

  • Facebook Clean Grey
  • Twitter Clean Grey
  • Instagram Clean Grey